Associazione Alfonso Lissi

L’associazione Alfonso Lissi è un’ associazione senza scopo di lucro, con l’obbiettivo di promuovere la crescita culturale e sociale anche attraverso l’organizzazione di iniziative.

Di che cosa si occupa l’Associazione Alfonso Lissi, qual è il suo obbiettivo?

L’Associazione Alfonso Lissi ha lo scopo di:
a) valorizzare e diffondere i valori costituzionali ed antifascisti, onde promuovere la crescita sociale e culturale dei propri soci, delle loro famiglie e dei cittadini in genere;
b) svolgere opera di aggregazione delle persone e degli enti che condividono i principi e le finalità della Associazione ed intendono impegnarsi per la loro realizzazione;
c) gestire circoli sociali, culturali, ricreativi, sale di ritrovo e ricreazione, biblioteche, sale di lettura, impianti sportivi riservati ai soci, loro familiari, conoscenti ed ai cittadini in genere;
d) organizzare e gestire, sia direttamente che in collaborazione con altri organismi, iniziative a carattere sociale, culturale, turistico, editoriale, ricreativo e sportivo a favore dei soci, loro familiari, conoscenti e cittadini in genere.
L’Associazione si propone inoltre di favorire le iniziative e le manifestazioni promosse da forze politiche, enti, associazioni e comitati che si richiamano alle origini, allo spirito ed ai valori del movimento operaio ed antifascista, mediante la concessione, dietro richiesta, dell’uso delle strutture e degli spazi posseduti dall’Associazione.

Che progetti realizzate?

L’Associazione Alfonso Lissi, in questi anni, ha organizzato diversi incontri culturali. Due sono di solito i filoni seguiti: iniziative che toccano temi di attualità (sociale, economica, ambientale), ed eventi legati al ricordo di pagine importanti della nostra storia (la nostra Associazione è dedicata proprio ad Alfonso Lissi, importantissima figura della Resistenza lariana).
Per di più, da qualche mese abbiamo aperto uno sportello lavoro, per aiutare chiunque abbia bisogno di rivedere il suo curriculum, imparare a gestire al meglio un colloquio di lavoro, ecc.

Associazione Alfonso Lissi

Anche i giovani partecipano ai vostri incontri?

Certo, fra le fila della nostra Associazione ci sono una decina di ragazzi che sono particolarmente attivi nei vari progetti. Ad esempio, si deve a loro la realizzazione di una serie di eventi legati all’attualità (spreco alimentare, moda sostenibile, ecc). Fra questi, abbiamo appunto organizzato una iniziativa con la nota blogger e giornalista Irene Facheris, che ha visto la numerosa partecipazione quasi esclusiva di ragazzi e ragazze provenienti da tutta la provincia comasca.

Come si può partecipare agli eventi della vostra Associazione?

L’accesso agli eventi dell’Associazione è libero. Di solito per la pubblicizzazione degli stessi ci affidiamo ai nostri canali social e alla nostra newsletter. A volte, riusciamo anche ad avere spazio su alcune testate online che fanno riferimento al territorio di Como. Lo strumento migliore, però, rimane sempre il passaparola.

Avevate prefissato quale progetto o incontro prima che venisse dichiarata l’emergenza Corona Virus?

Beh, sicuramente l’emergenza CoronaVirus ha un po’ messo in crisi i nostri piani, come ha fatto con tutti. Il 29 febbraio avevamo in programma una presentazione di un libro, in collaborazione con l’Istituto Storico Perretta. Stavamo organizzando, inoltre, una iniziativa sul tema molto sentito del cambiamento climatico. Siamo sicuri, però, che questi eventi sono solo rimandati e che presto riusciremo a rimetterci in pista.

In questo momento difficile, state continuando a lavorare su qualche progetto?

Essendo la nostra un’Associazione che basa la quasi totalità delle sue iniziative sulla partecipazione ad eventi, riunioni e momenti ludici, continuare con le nostre attività e progetti diventa piuttosto ostico. Il nostro Sportello Lavoro rimane comunque attivo, seppure gli incontri possono avvenire solo a distanza.

Qual è un desiderio che vi piacerebbe realizzare con l’associazione?

Come Associazione stiamo cercando di organizzare incontri sempre più interessanti e partecipati, che si distacchino nelle metodologia e nei contenuti dal solito clichè dell’iniziativa autoreferenziale. Probabilmente con le ultime serate ci stiamo pian piano riuscendo, ma c’è sempre un buon margine di miglioramento.

Secondo lei, le persone, di cosa hanno bisogno?

Crediamo che alla base della crescita di una persona, ci sia la necessità della stessa di scambiare informazioni, magari interagendo con altri. Le persone hanno bisogno di condividere esperienze e sogni, uscendo dalla loro bolla di individualismo. Probabilmente (e speriamo) quanto sta succedendo in questi mesi cambierà questa prospettiva, aumentando il bisogno di stare insieme ad altri, di riabbracciare un concetto di socialità probabilmente eroso negli ultimi decenni.

Rimanete sempre aggiornati sulle tutte le attività culturali che stanno aderendo a questo progetto

Lascia un commento