Curiosità

7 Curiosità sul Lago di Como

“Colui che cerca con curiosità scopre che questo di per sé è una meraviglia”

Como città – vista dall’aereo

7 Curiosità sul Lago di Como : Como e il suo lago hanno una storia molto ricca, in questo articolo voglio porre l’attenzioni a delle piccole curiosità che possono rendere un luogo ancora più interessante e misterioso . L’invito è aprire gli occhi e guardarsi intorno per riuscire a cogliere i dettagli più curiosi e affascinanti

1) Cannone di mezzodì – Como

Se passate una giornata a Como da turisti, per lavoro o semplicemente perché non ci avete mai fatto caso, a mezzogiorno in punto, ricordatevi di ascoltare rumore dello scoppio a salve del cannone. Fu costruito intorno al 1912 sul tracciato della funicolare Como – Brunate per tenere a bada la grandine sui vigneti di Garzola ma raramente ha fatto il suo dovere. Esso ha regolato gli orologi dei comaschi per tantissimi anni ed è uno dei degli unici due cannoni presenti in Italia (l’altro è a Roma).

2) Star Wars

Per tutti gli amanti della famosissima sagra di Star Wars, episodio II – l’Attacco dei cloni, George Lucas decise anche di fare delle riprese sul lago di Como. La maggior parte delle scene sono girate in Villa Balbianello, una delle ville più belle del lago di Como. Ancora oggi tantissimi visitatori da tutto il mondo si recano alla villa vestiti con i costumi del film.

3) Il lago e i suoi battelli.

Il lago di Como è il lago più profondo d’Italia, esso raggiunge una profondità di 418 m fra le località di Argegno e Nesso. La navigazione sul Lago di Como, come servizio pubblico, nasce nel 1826. I primi battelli entrati in funzione fu “Lario” e “Plinio”.

4) Lucia, la regina del Lago.

La Lucia è l’imbarcazione tipica del Lago di Como, precedentemente denominata “Batell”, veniva usata per diverse attività commerciali, in particolare per la pesca. Facilmente riconoscibile dai tre cerchi che la sormontano. Ha cambiato il nome il Lucia in seguito al successo del capolavoro letterario di Alessandro Manzoni – I promessi sposi. Lucia Mondella, Renzo Tramaglino e la madre Agnese la usarono per sfuggire da Don Rodrigo e attraversare il Lago di Como.

5) Isola comacina.

Nel Medioevo, l’isola era una roccaforte indipendente. Durante la guerra decennale tra i liberi comuni di Como e Milano, l’isola partecipò come alleata della capitale lombarda, il conflitto terminò nel 1127 con la vittoria dei milanesi.
Dopo la sconfitta, Como, grazie all’alleanza con Federico Barbarossa, preparò la rivincita che sfociò nel 1169 nella vendetta contro le terre ribelli. L’isola venne distrutta dalle fondamenta e rasa al suolo; tutte le abitazioni e chiese vennero abbattute. Federico Barbarossa confermò il divieto alla ricostruzione: «Non suoneranno più le campane, non si metterà pietra su pietra, nessuno vi farà mai più l’oste, pena la morte violenta. La Sagra di San Giovanni rappresenta la più antica manifestazione del Lago di Como. L’isola comacina diventa il centro di uno spettacolo pirotecnico che con l’incendio dell’Isola, vuole ricordare il glorioso passato vissuto dal territorio tremezzino e dal territorio lombardo, inaugurando la stagione turistica del Centro Lario.

6) Esondazioni

Nel maggio- giugno 1868 si registra il massimo livello idrometrico mai registrato, 1/3 della città di Como fu sommersa.

7) Lariosaurus

Si inizia a parlare del Lariosaurus nel secondo dopoguerra riportando allarmanti notizie di avvistamenti nelle più varie località del Lario ed attacchi da parte del mostro. Gli avvistamenti più numerosi sembrava avvenissero nella località di Lierna nei pressi della spiaggia del Borgo di Grumo di Lierna. Ci sono diverse ipotesi sul fenomeno, alcuni parlano di anguille di notevoli dimensioni. Il Lariosauro è un rettile acquatico estinto, vissuto circa 245 milioni di anni fa nel nord Italia. La leggenda narra di due cacciatori che arrivati sulla riva del lago, nella riserva naturale Pian di Spagna, videro questo animale di 10-12 metri. Ci furono altri avvistamenti negli anni successivi vicino ad Argegno.